Terebinto

1,80 

Il Terebinto è un arbusto mediterraneo presente in quasi tutta Italia, salvo che in Valle d’Aosta, dal livello del mare ai 900 m circa. Sui Colli Euganei cresce nelle aree più calde meridionali, tra gli abitati di Baone ed Arquà Petrarca. Cresce in siti caldi ed aridi su falesie e rocce calcaree esposte a sud ed in boschi termofili.

Dalla corteccia si estrae una resina simile a quella del Lentisco. Il legno è utilizzato in ebanisteria e lavori di intarsio. Il nome generico sembra derivare dal termine persiano ‘pistàh’, ricco di farina; quello specifico era usato già da Teofrasto. Forma biologica: fanerofita cespitosa (fanerofita scaposa). Periodo di fioritura: aprile-giugno.


  • Quantità max ordinabile subito 30 pz. Per quantità maggiori contattare il nostro vivaio.

 

1000 disponibili

Descrizione

Il Terebinto è un cespuglio o piccolo albero alto fino a 5-6 metri, è caducifoglio e latifoglia.

Le foglie sono imparipennate, composte generalmente di 9 foglioline alterne, ovato-oblunghe o più raramente lanceolate, caduche, glabre, mucronate all’apice, ed emanano un odore resinoso.

I fiori sono dioici, privi della corolla, hanno carattere lasso all’apice dei rami e sono formati da grappoli composti in una pannocchia piramidale, a sua volta ramosa, di colore rossastro, con rachide assottigliata verso l’alto e pedicelli più corti del fiore.

I fiori maschili hanno il calice diviso in 5 lacinie lanceolate e acute, 5 stami opposti ai sepali più lunghi del calice, filamenti cortissimi e antere grosse; quelli femminili hanno 3 carpelli saldati, supero rosso con 3 stili, e tre stimmi. Sbocciano tra aprile e luglio. si hanno alberi con solo fiori maschili e con solo fiori femminili.

I frutti sono drupe ovoidee a grappolo, con peduncoli di 4-7 mm, compresse, apicolate, prima verdastre e poi a maturità rosso-brune, contenenti olio grasso. Le bacche sono commestibili ed il seme ricorda il gusto e il colore del pistacchio.

Il legno è duro, resistente; il fusto con una corteccia bruno rossastra, glabra e con lenticelle lineari longitudinali.

Le radici sono sviluppate, penetrano in profondità nel terreno, e riescono ad inserirsi nelle fessure delle rocce, spaccandole, permettendo alla pianta un’elevata resistenza al gelo e alla siccità. Per questa sua caratteristica, viene denominato in Italia “spaccasasso”.


  • Nome pianta: Pistacia terebinthus
  • Nome comune: Terebinto
  • Tipo di vaso: 9 x 9 x 19 cm
  • Altezza: 60 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia