Ostrya Carpinifolia – Carpino Nero

5,00 

Il carpino nerocarpinellaostria o, meno frequentemente, carpinello (Ostrya carpinifolia) è un albero della famiglia delle Betulacee.
ha tronco dritto e chioma raccolta e un po’ allungata; le sue foglie sono a forma ovale, allungate e con il bordo seghettato; la nervatura principale è molto evidente e infatti si dicono penninervie. I frutti sono acheni a grappolo di colore bianco/verde.
in Italia, si trova nelle fasce medie delle colline in posizioni mediamente soleggiate.

  • Nome pianta: Ostrya Carpinifolia
  • Nome comune: Carpino Nero
  • Tipo di vaso: Vaso da 2 lt
  • Altezza: 80/120 cm
  • Per saperne di più: Wikipedia

100 disponibili

Descrizione

Il carpino nerocarpinellaostria o, meno frequentemente, carpinello (Ostrya carpinifolia) è un albero della famiglia delle Betulacee.

Descrizione e Habitat:

Il carpino nero ha tronco dritto e chioma raccolta e un po’ allungata; le sue foglie sono a forma ovale, allungate e con il bordo seghettato; la nervatura principale è molto evidente e infatti si dicono penninervie. I frutti sono acheni a grappolo di colore bianco/verde.
in Italia, si trova nelle fasce medie delle colline in posizioni mediamente soleggiate. La formazione forestale nella quale il carpino nero risulta nel suo optimum è l’Orno-ostrietum, vale a dire in associazione con l’orniello (Fraxinus ornus). Tale associazione (di cui l’orniello e il carpino sono le specie rappresentative) è tipica della “vegetazione illirica”, ben rappresentata in Italia, specie nella zona dei Laghi lombardi, presente anche nella parte alta del lago di Garda, dove il carpino si trova associato alla roverella (Quercus pubescens) o al cerro (Quercus cerris). Boschi di carpino nero sono molto diffusi anche nell’Appennino settentrionale e centrale, meno consueti nel Meridione, Sicilia e Sardegna.

Ecologia:

È una specie che necessita di un lungo periodo vegetativo. In Italia vegeta fino a 1 000-1 200 m s.l.m.; negli ambienti collinari peninsulari occupa soprattutto i versanti nord.
Ha esigenze idriche superiori a quelle della roverella, predilige i suoli calcarei e marnosi, teme il ristagno idrico, e non sopporta i terreni troppo argillosi.

Usi:

Viene impiegato come pianta ornamentale in parchi e giardini, oltre che per alberature di strade e viali cittadini.
Produce un legno pesante e compatto, di colore rosso-bruno, usato principalmente come combustibile.
Negli anni ’80 in Italia il suo legno è stato utilizzato come sostituto economico per i mobili di ciliegio americano.
Inoltre il legno possiede un’alta resistenza all’acqua e all’umidità.

Avversità:

Cancro dei rami, da funghi dei generi Nectria e Septobasidium.
Cancro del colletto e delle radici, dal fungo Armillaria mellea
Spoliazione fogliare da larve di Lepidotteri.

  • Nome pianta: Ostrya Carpinifolia
  • Nome comune: Carpino Nero
  • Tipo di vaso: Vaso 2 lt
  • Altezza: 80/120 cm
  • Per saperne di più: Wikipedia