Viburnum Tinus

2,00

495 disponibili

Descrizione

Viburnum Tinus

Il viburno tino (Viburnum tinus L.) è una pianta della famiglia delle Caprifoliaceae , diffuso nel bacino del Mediterraneo e nel sud-est dell’Europa, chiamato volgarmente laurotino o lentaggine.

Il viburnum tinus  ha un portamento arbustivo e una chioma espansa e morbida. Predilige i terreni drenati e freschi. I suoi frutti sono bacche blu di forma ovoidale.

Il nome ha origini antiche e precisamente latine. Deriva infatti dalla parola viere, verbo che significa “realizzare un intreccio”, e da vovorna, cioè “di zone selvatiche”. La denominazione fa quindi riferimento alle peculiarità proposte da questa pianta molto diffusa, che presenta dei rami estremamente flessibili, eppure particolarmente resistenti.

Preferibilmente si mette a dimora all’inizio della fase primaverile oppure in autunno.

Questa pianta fa parte della famiglia delle Caprifoliaceae, ordine Dipsacales, classe Magnoliopsida, ed è collocabile nella categoria generale degli arbusti.

Arbusto sempreverde, alto oltre i 3 m, con foglie di colore verde-scuro, ovali e arrotondate, consistenti, fiori bianchi con boccioli rosa, che sbocciano dall’autunno al pieno inverno.

Alto tra i 3 e i 4 metri, il viburnum ha un diametro medio tra i 2,5 e i 4 metri.

I suoi fiori sono di colore bianco, ma risultano rosa quando sono ancora in bocciolo. Si presentano come piccoli merletti bianco avorio e sono molto profumati. La pianta fiorisce nel periodo che va da novembre a maggio. Preferisce un clima temperato, ma nei fatti ha dimostrato di sapersi adattare anche ai climi più rigidi.
E’ fondamentale precisare che i suoi frutti sono tossici. Contengono infatti una sostanza nociva, la viburnina. La corteccia ha invece amidi, saccarosio, oli grassi e destrine ed è quindi usata a scopi farmacologici.

 


  • Nome pianta: Viburnum Tinus
  • Nome comune: Viburno Tino
  • Tipo di vaso: Alveolo forestale
  • Altezza: 25 cm circa