Acer pseudoplatanus – Acero montano

5,00 

L’acero Montano (Acer pseudoplatanus) è una pianta appartenente alla famiglia delle Aceraceae. Talvolta è chiamato impropriamente sicomoro.

Caratteristiche:

È una pianta ad alto fusto che può raggiungere 25–40 m di altezza e un diametro del tronco di 3,5 m. Ha una chioma globosa e ampia; la corteccia è inizialmente grigia o giallastra per poi tendere al rossastro e distaccarsi in grandi placche.


 

  • Nome pianta: Acer pseudoplatanus
  • Nome comune: Acero montano
  • Tipo di vaso: vaso 2 Litri
  • Altezza: 100/150 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia

500 disponibili

Descrizione

L’acero Montano (Acer pseudoplatanus) è una pianta appartenente alla famiglia delle Aceraceae. Talvolta è chiamato impropriamente sicomoro.

Caratteristiche:

È una pianta ad alto fusto che può raggiungere 25–40 m di altezza e un diametro del tronco di 3,5 m. Ha una chioma globosa e ampia; la corteccia è inizialmente grigia o giallastra per poi tendere al rossastro e distaccarsi in grandi placche. Ha gemme opposte, come tutti gli aceri. I fiori appaiono dopo la comparsa delle foglie. Il frutto è una doppia samara. Negli alberi adulti ricorda la corteccia del platano, da cui il suo nome scientifico. Foglie lungamente picciolate (5–15 cm), semplici, opposte, caduche, 10–15 cm in lunghezza e larghezza, pentalobate con lobi poco acuti, margine debolmente dentato, verde scuro sopra, glauche sotto, cicatrici fogliari che non si toccano.

Disitribuzione e Habitat

La specie è molto diffusa in Europa centrale e occidentale (Francia, Benelux, Germania, Svizzera, Austria, Polonia, Russia), nel bacino del Mediterraneo (Spagna, Portogallo, Italia, Albania, Bulgaria, ex-Jugoslavia, Grecia), in Asia minore (Turchia) e nella regione del Caucaso.

In Italia esso è un albero delle zone montuose, tuttavia compare anche a quote poco elevate: ad esempio è presente sporadicamente nell’alta pianura ai piedi delle Alpi ed è comune sulle Prealpi. Lo si incontra fino ad un’altitudine di 1500–1900 m. Trova il suo optimum negli acero-frassineti e nelle faggete. In Pianura Padana è quasi completamente sostituito dall’acero campestre. Nell’Europa centrale è presente ad altitudini via via inferiori, man mano che ci si sposta verso nord.

Uso

Il legno dell’acero di monte (considerato di elevato pregio) è usato principalmente in liuteria. Questa specie è spesso coltivata sia in boschi, che in impianti di arboricoltura da legno. In Calabria il legno è tradizionalmente utilizzato per realizzare collari per ovini, caprini e bovini, ciotole, coppe, scodelle e cucchiai (cucchiare). La pianta è molto visitata dalle api per il copioso polline, di colore grigioverde e l’abbondantissimo nettare,da cui producono un ottimo miele dorato con sfumature verdastre.


  • Nome pianta: Acer pseudoplatanus
  • Nome comune: Acero montano
  • Tipo di vaso: vaso 2 Litri
  • Altezza: 100/150 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia