Buxus sempervirens – Bosso

2,50 

Vengono coltivate come piante ornamentali e in fogge fantasiose ottenute con l’arte topiaria come animali o labirinti nei giardini all’italiana.
In silvicoltura viene impiegato, grazie al robusto apparato radicale, per il consolidamento di terreni instabili, sassosi e aridi.
Il legno che se ne ricava è duro e compatto, di colore giallo e molto pregiato; è impiegato per la costruzione di strumenti musicali a fiato, per le sculture lignee, per ebanisteria, intarsio e per il modellismo navale.


  • Nome pianta: Buxus sempervirens
  • Nome comune: Bosso
  • Tipo di vaso: Vasetto Forestale
  • Altezza: 15/20 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia

50 disponibili

Descrizione

Buxus sempervirens,comunemente noto come bosso, bosso comune o bossolo, è una pianta appartenente alla famiglia delle Buxaceae, originaria del bacino del Mediterraneo.

Caratteristiche:

E’ un arbusto sempreverde eretto e cespuglioso di altezza variabile tra i 2 e 4 m, longevo, dall’odore caratteristico, ha robuste radici ancoranti, fusto ingrossato alla base, tortuoso e ramificato, chioma folta.
La corteccia dapprima liscia e verdognola, nel tempo assume una colorazione grigio-biancastra, ha proprietà medicinali.
Presenta foglioline opposte persistenti, sessili o brevemente picciolate, di colore verde cupo lucente superiormente, più chiara inferiormente, di forma ovoidale, oblunga o arrotondata, con il margine liscio ad eccezione dell’apice.

Fiori e Frutti:

I fiori sono unisessuali, piccoli, riuniti in glomeruli ascellari, il fiore centrale è generalmente femminile, quelli periferici maschili; sono fiori rudimentali senza una corolla vera e propria, il calice è formato da 4 lacinie, che nei fiori maschili circondano gli stami, e in quelli femminili l’unico pistillo con ovario supero, ovoidale e sormontato da 3 grossi stimmi. I fiori maschili e femminili del glomerulo sono inseriti direttamente su una formazione glandulosa, che è un nettario a forma piramidale, la pianta fiorisce generalmente da marzo fino a maggio.

I frutti: dopo la fecondazione l’ovario si trasforma in una capsula coriacea sormontata da 3 rostri, derivati dagli stili del pistillo, che permangono anche nel frutto, che ha una caratteristica forma di deiscenza per il lancio a distanza dei semi bislunghi, brunastri, lucidi e ricchi di albume.

Habitat:

Predilige zone aride, rocciose, prevalentemente calcaree, fino ad altitudini elevate.

Uso:

Vengono coltivate come piante ornamentali e in fogge fantasiose ottenute con l’arte topiaria come animali o labirinti nei giardini all’italiana.
In silvicoltura viene impiegato, grazie al robusto apparato radicale, per il consolidamento di terreni instabili, sassosi e aridi.
Il legno che se ne ricava è duro e compatto, di colore giallo e molto pregiato; è impiegato per la costruzione di strumenti musicali a fiato, per le sculture lignee, per ebanisteria, intarsio e per il modellismo navale.


  • Nome pianta: Buxus sempervirens
  • Nome comune: Bosso
  • Tipo di vaso: Vasetto Forestale
  • Altezza: 15/20 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia