Prunus spinosa- Prugnolo

5,00 

Il prugnolo spinoso è un arbusto comune, adatto per formare siepi. Un tempo, in qualche parte d’Italia, veniva utilizzato come essenza costituente delle siepi interpoderali, cioè per delimitare i confini degli appezzamenti. In ragione delle spine e del fitto intreccio dei rami, la siepe di prugnolo selvatico costituiva una barriera pressoché impenetrabile.

Le bacche rimangono a lungo attaccate ai rami e la pianta talvolta può essere usata come arbusto ornamentale in giardini. I frutti del prugno spinoso sono utilizzati in alcuni paesi per produrre bevande alcoliche.


  • Nome pianta: Prunus spinosa
  • Nome comune: Prugnolo
  • Tipo di vaso: Vaso 2 Litri
  • Altezza: 60/80 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia

50 disponibili

Descrizione

Il prugnolo selvatico (nome scientifico Prunus spinosa) è un arbusto spontaneo appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere Prunus. Viene chiamato anche prugno spinoso, strozzapreti o semplicemente prugnolo.

Caratteristiche:

Il prugnolo è un arbusto o piccolo albero folto, è caducifoglie e latifoglie, alto tra i 2,5 e i 5 metri. La corteccia è scura, talvolta i rami sono contorti. Le foglie sono ovate, verde scuro. I fiori, numerosissimi e bianchissimi, compaiono in marzo o all’inizio di aprile e ricoprono completamente le branche. Produce frutti tondi di colore blu-viola, la maturazione dei frutti si completa in settembre -ottobre. Sono delle drupe ricoperte da una patina detta pruina e contenenti un unico seme duro, ricercate dalla fauna selvatica. È un arbusto resistente al freddo e a molti parassitati, si adatta a diversi suoli e ha una crescita lenta.

Distribuzione e Habitat:

Il prugnolo è una pianta spinosa spontanea dell’Europa, Asia, e Africa settentrionale; cresce ai margini dei boschi e dei sentieri, in luoghi soleggiati.

Forma macchie spinose impenetrabili che forniscono protezione agli uccelli ed altri animali.

Uso:

I frutti, chiamati prugnole, possono essere usate per fare marmellate, confetture, salse, gelatine e sciroppi. I frutti contengono molta vitamina C, tannino e acidi organici. Anche i fiori sono commestibili (tra i fiori eduli), possono essere usati in insalate o altri piatti.

Il prugnolo spinoso è un arbusto comune, adatto per formare siepi. Un tempo, in qualche parte d’Italia, veniva utilizzato come essenza costituente delle siepi interpoderali, cioè per delimitare i confini degli appezzamenti. In ragione delle spine e del fitto intreccio dei rami, la siepe di prugnolo selvatico costituiva una barriera pressoché impenetrabile.

Le bacche rimangono a lungo attaccate ai rami e la pianta talvolta può essere usata come arbusto ornamentale in giardini. I frutti del prugno spinoso sono utilizzati in alcuni paesi per produrre bevande alcoliche .

Il prugno spinoso è usato come purgante, diuretico e depurativo del sangue, per erba medicinale ed erba officinale. I principi attivi contenuti nei fiori sono cumarine, flavone e glucosidi dell’acido cianidrico. La corteccia della pianta era utilizzata in passato per colorare di rosso la lana.

Il legno, come quello di molti alberi da frutto è un apprezzato combustibile, è duro e resistente, e può essere lucidato. Se di piccole dimensioni viene usato per attrezzi agricoli, intarsi e bastoni da passeggio

 


  • Nome pianta: Prunus spinosa
  • Nome comune: Prugnolo
  • Tipo di vaso: Vaso 2 Litri
  • Altezza: 60/80 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia