Salix Babylonica – Salice Piangente

5,00 

Il salice piangente è un albero deciduo che raggiunge normalmente l’altezza di 10–15 m (può arrivare a 25), i rami sono penduli e sottili, caratteristica esaltata nelle varietà ornamentali. L’albero assume così un portamento particolare, riverso in basso.
Le foglie sono disposte a spirale, di colore verde chiaro, strette e lunghe, appuntite, con margini finemente seghettati. In autunno, prima di cadere, diventano giallo dorato.


  • Nome pianta: salix babylonica
  • Nome comune: salice piangente
  • Tipo di vaso: Vaso 1 Litro
  • Altezza: 60/80 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia

46 disponibili

Descrizione

Il salice piangente (Salix babylonica) è uno dei salici maggiormente utilizzati per scopo ornamentale.

Caratteristiche:

Il salice piangente è un albero deciduo che raggiunge normalmente l’altezza di 10–15 m (può arrivare a 25), i rami sono penduli e sottili, caratteristica esaltata nelle varietà ornamentali. L’albero assume così un portamento particolare, riverso in basso.
Le foglie sono disposte a spirale, di colore verde chiaro, strette e lunghe, appuntite, con margini finemente seghettati. In autunno, prima di cadere, diventano giallo dorato.
I fiori, come in tutti i salici, sono riuniti in amenti, che appaiono precocemente in primavera. Gli amenti maschili e femminili compaiono su alberi distinti (pianta dioica).
I frutti sono capsule, con molti piccoli semi provvisti ciascuno di un ciuffo di peli bianchi e setosi.
La corteccia dei salici è percorsa da abbondante linfa che contiene una dose molto concentrata di acido salicilico. Questo rende la corteccia e la pianta molto resistente all’ambiente umido in cui vive. La maggior parte dei salici in autunno si ricopre di una cera bianca che li protegge durante l’inverno. Questa cera non lascia passare l’acqua e protegge l’albero dalla disidratazione. Tende però a bloccarne la respirazione. Per ovviare a questo problema la pianta si ricopre di piccole squame dalle quali può passare una piccola quantità di aria.
I rami sono lunghi, molto flessibili e fibrosi mentre le radici sono resistentissime, lunghe, spesso stolonifere e tendono a crescere anche dalla parte aerea della pianta.
Le foglie,di solito sono lanceolate, ma in alcune varietà possono essere anche rotonde o ovali con margini seghettati. La maggior parte delle specie è decidua o semisempreverde. Solo alcune varietà come il salix micans o il Salix australior, presenti nel Mediterraneo orientale, sono sempreverdi. Le foglie possono assumere molte sfumature di verde, ma alle volte anche di giallo e azzurrino-glauco. Le gemme sono sempre laterali, mai apicali.

Distribuzione e Varietà:

In natura, Salix babylonica è limitato alle regioni temperate della Cina.
La specie molto affine Salix matsudana, anch’essa della Cina temperata, è considerata da molti autori una varietà o una sottospecie di Salix babylonica.
Già in tempi remoti si diffuse l’uso di questo salice per scopi ornamentali, prima in Cina e poi, seguendo la via della seta, verso occidente.


  • Nome pianta: salix babylonica
  • Nome comune: salice piangente
  • Tipo di vaso: Vaso 1 Litro
  • Altezza: 60/80 cm circa
  • Per saperne di più: Wikipedia